Dopo la performance inaugurale “WAP World after Plastic” di Massimiliano Manieri e Piermatteo Vantaggiato ( 18.06.2021), prende avvio il secondo e ultimo appuntamento della mostra collettiva di artisti internazionali “Intra Mundi: legami, transiti e approdi di un presente imperfetto” , curata da Dores Sacquegna, con il supporto di Primo Piano LivinGallery | Progetti & Servizi per l’Arte Contemporanea, presso la Fondazione Palmieri a Lecce.

Per il Finissage del 29 Giugno alle ore 18:30, è previsto l’incontro-confronto dal titolo “ Autoritratto: l’artista come un viandante” con TARSHITO, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Fabiana Cicirillo, della curatrice, della stampa e del pubblico.

In questa occasione, Primo Piano LivinGallery, presenta al pubblico uno dei geniali protagonisti pugliesi: TARSHITO ( nato come Nicola Strippoli a Corato, Bari), tra interventi dialettici, visivi e sonori.

Il meeting farà emergere la storia dell’artista, dalle prime opere - maturate dagli incontri con grandi maestri spirituali cui l’indiano Osho Rajneesh che gli  affidò il nome sanscrito di TARSHITO,  ovvero “sete di conoscenza interiore” – e le ultime opere di cui in anteprima a Lecce il rotolo dipinto su tessuto “ Il sentiero del Viandante innamorato”, una tela di circa 11 metri, realizzata tra il 2017 e il 2018 e in collaborazioni tra artigiani e tribù indigene di vari luoghi tra cui Messico, Nepal, India, Marocco, Perù.

Tarshito, si pone al pubblico come messaggero di pace e amore e nel centro del suo mandala psichico, ritroviamo il pensiero che attraversa il sogno, l’immaginazione che non preclude scenari virtuali, l’incontro con l’altro, in cui vengono trascesi i vincoli spazio-temporali, il tempo che congiunge il sensibile con l’intellegibile, il qui ed ora con l’eterno. Tarshito, lo ricordiamo come fondatore della Galleria Speciale a Bari negli anni’80 che collabora con artisti e progettisti di fama internazionale come Mario Merz e Nanda Vigo, tra gli altri e lo ritroviamo oggi con un progetto ancora più immersivo e plurale nel suo Villaggio Speciale a Mungivacca (Bari) dove realizza ed espone le sue immense opere, collabora e tiene seminari, performance con il mondo. Le sue opere sono in importanti collezioni privati, museali e istituzionali.

Il suo mundus imaginarium, è fatto di figure e animali antropomorfe e archetipi ma anche di oggetti sacri come anfore-pesci, tamburi-radici e strumenti rituali e musicali, che si innestano come estensori tra chi offre e chi riceve, mettendo in gioco il principio di unicità e funzionalità. Nella collettiva INTRA MUNDI è presente con tre opere di cui:  “Holy Geographic Tree”, due alberi geografici sacri in cui l’artista connette la geografia dei luoghi alla natura sacra dell’albero e realizzati con pittura su tessuto, foglia d’oro e ricamo ( in collaborazione tra gli altri con le ricamatrici del Bangladesh) e la scultura in ceramica smaltata  “Una sola terra, una sola umanità” , che sancisce l’unione simbolica della madre Terra con Dio.

Intra Mundi pone attenzione alla Natura, luogo di cura, insegnamento e radice delle nostre esistenze.  Intra Mundi è dimensione onirica e spazio dell’eterno fluire ed è divisa in tre distinte sessioni a cui fanno riferimento i seguenti artisti: Legami con la madre terra (Marilou Pilou Glinz, Ida Kleiterp, Janine von Thüngen, Maria Luisa Imperiali, George Syrakis, Tomomi Sato, Ulrike Arnold);  cosmogonie e mondi quantici ( Mael DeNegri, Maria Gabriella Marra, Şebnem Yüksel, Louisa Potapchick, Tanya P. Johnson, Rå Ballester) ; luoghi di transiti e approdi ( Nancy e Philip Barwell, Sara Tirelli, Nel Ten Wolde, Thimotée Peignier, Beatrice Desrousseaux, Simon Read).  In INTRA MUNDI, gli artisti in mostra, riflettono, il pensiero e l’identità di quest’epoca così caotica, restituendoci la muta testimonianza delle contraddizioni, delle conseguenze e dei pericoli a cui il genere umano si è volontariamente esposto, al fine di soddisfare la propria sete di conoscenza e il proprio desiderio di superare ogni limite.

Fondazione Palmieri, Vico Dei Sotterranei, Lecce (dietro il Duomo) primopianogallery@gmail.com | Tel + 39 349 37 20 659.

 

29 Giugno 2021 ore 18:30
Fondazione Palmieri, Lecce

 

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sugli eventi

Il nostro sito nasce per fornire informazioni utili agli utenti. Iscrivendovi alla nostra newsletter non riceverete mai spam ma solo informazioni su eventi gratuiti o, eventualmente, eventi a pagamento ma comunque di interesse cittadino. I vostri dati non verranno mai ceduti a terzi. Per leggere l'informativa completa sulla privacy clicca qui.